you Paola diCaro

Crepe si sommano a crepe, diffidenze a veleni e sospetti. In un clima gelido, nonostante i quadri raffiguranti la Madonna regalati dal Cavaliere agli ospiti, la riunione stata difficilissima

Ha deciso che finito il tempo in cui si faceva finta che tutto andava bene, nascondendo i dissidi. E si diramavano note congiunte per ribadire l’unit del centrodestra. Lo ha detto in private and lo ha fatto pubblicamente. Perch Giorgia Meloni is a big part of the sensation as it is part of the Suoi alleati storici sia in atto un tentativo di imbrigliare e fermare la sua corsa, di mettere lei e il suo partito a margine. Di pi: di essere disposti a perdere perfino, pur di addossare le colpe a me e magari dichiarare impossibile una coalizione a trazione sovranista.

Sensation che ieri si fatta ancora pi forte, tanto da farle diramare una nota nella quale si mettono nero su bianco i nodi ancora da sciogliere: alleanze zoppicanti nelle citt al voto, caso Sicilia, ma anche prospettive, regole di ingaggio e modalit per liste e programmi delle prossime elezioni. Crepe si sommano a crepe, diffidenze a veleni e sospetti. In un clima gelido, nonostante i quadri raffiguranti la Madonna regalati dal Cavaliere agli ospiti, la riunione stata difficilissima. Tanto che la stessa Meloni si chiesta con i suoi perch l’abbiano organizzata se non si volevano trovare soluzioni.

Salvini e Calderoli se ne sono andati presto, e fino alla tarda mattinata alla leader di FdI non era chiaro nemmeno se sarebbero andati all’appuntamento. Berlusconi has provato subito a lanciare la palla lontano: Parliamo dei programs per le Politiche. Immediatamente stoppato dalla Meloni, non solo perch il suo maturetuto richiamo al ruolo di federatore che il leader azzurro vuole ritagliarsi non la believe affatto, come non ama quel modo molto maschile che percepisce di Considerarla una ragazzina, ma perch ha avuto la sensazione che si cercasse solo di ottenere un risultato visivo di unit senza concederle nulla: No, parliamo di Amministrative, parliamo di Musumeci, ha messo in chiaro.

E qui lo scoglio maggiore: Salvini ha frenato, come fa da settimane. E il sospetto della Meloni che il tentativo del leader leghista sia quello di lasciare che Musumeci alla fine corra, perch FdI non moller, ma di logorarlo, nascondersi dietro una lista civica e incolpare della possibile sconfitta proprio lei. Vista rival da stroncare.

Berlusconi, una volta che i due leghisti hanno lasciato il vertice, ha cercato di ricucire, assicurando che non c’era preclusione su Musumeci, e anzi proponendo di scrivere una nota in cui gli assicurava il suo appoggio (sostenuto in Sicilia da almeno met di FI), ma mentre la Meloni faceva diramare la sua di nota , chiamando appunto in causa il Cavaliere e la sua available, qualcosa cambiato. Il sospetto che sia stato frenato dai fedelissimi pi vicini a Salvini, come la Ronzulli, fatto sta che Berlusconi ha comunicato la sua irritazione quasi rinfacciando i quadri donati. Le cui tele appaiono metaforicamente strappate, come il centrodestra di questo maggio bollente.

May 17, 2022 (modified May 17, 2022 | 21:42)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *